Log in
updated 4:11 PM CEST, Oct 21, 2019

CAMPIONATI MONDIALI RETRORUNNING LLEIDA 2012 CATALUNIA SPAGNA

Nei giorni 25 – 26 agosto si sono svolti i campionati del Mondo di Retrorunning, giunti ormai alla 4° edizione dimostrando che l’interesse per questa disciplina è oramai una conferma. Chi vi scrive e sua moglie Teresa sono arrivati a Lleida il mercoledì pomeriggio. Dopo un tranquillo volo mattutino Pisa-Barcellona e tre ore e 20 di pulman per coprire i 140 Km. che dividono Barcellona da Lleida. Viaggio per paesi e panorami ameni, dove ti aspetti da un momento all’altro di vedere gli indiani che assalivano la nostra corriera.
Lleida è una città che tolta la parte storica posizionata sopra una collina con castello risalente alle prime crociate con Duomo e chiese in stile Catalano. Poi tutto il resto della città si è allungato in pianura con edifici moderni, un grande centro universitario e tanta terra coltivata a frutteti, che è anche la principale attività economica della città.
La città è attraversata da un fiume che per la lunghezza di 6 Km. è adibito ad attività sportive ricreative e per passeggiate lungo il corso del fiume. Sulla riva ci sono bei prati e alberi ombrosi, sentieri per la corsa e attrezzi dislocati lungo il percorso per fare ginnastica. Naturalmente ne abbiamo approfittato per fare due brevi allenamenti.
Il giorno 24 alle 19,00 c’è stato sotto un’antica porta, nei tempi passati ingresso della città, il ritrovo degli atleti per stare un pò insieme e per le solite foto di rito.
C’erano rappresentate alcune nazioni che partecipavano con un solo rappresentante per la prima volta, come l’Irlanda, Equador, Albania e c’era Mustafà, un giovane cheniano che vive in Spagna e nel 2008 manco la partecipazione alle Olimpiadi di Pechino negli 800 mt. Per soli 2 secondi. Baci e abbracci e poi tutti in albergo. Avevamo nei giorni precedenti il campo scuola che dista dalla città circa 8 km. procurando un po’ di disagio a tutti queli arrivati in aereo, anche perché il sabato e la domenica non ci sono pulman che vanno in quella direzione. Risolto il nostro problema di mobilità con il classico Taxi arriviamo al campo di gara intorno alle 13,30 di sabato, la pista si vede subito che ha conosciuto tempi miglioro, le strisce sono sbiadite e le targhette in metallo quasi illeggibili. Il sole picchia molto forte e l’aria è secca. Fortuna c’è il Bar aperto gestito dalla società di Atletica che organizza i Campionati. Le bandiere allineate delle nazioni partecipanti sono mosse da vento caldo. A poco a poco cominciano ad arrivare atleti e giudici di gara, Dario Vettorato di Padova consegna i completino da gara del Team Italia. Li indossiamo e siamo pronti. I giochi sono ufficialmente aperti, gli in Bocca al Lupo si odano nelle varie lingue insieme a sonore pacche sulle spalle.
La nostra società è rappresentata dai veterani Romani e Falcini e dalle Veterane Angei e De Jesus.
Le gare iniziano con le batterie giovanili dei 100 metri per poi passare agli Assoluti e ai Veterani e iniziano ad arrivare le prime medaglie italiane.
Della nostra società la prima a salire sul podio è Teresina Angei che nei 200 piani, in una finale con tutte le corsie occupate riesce a guadagnarsi un argento molto pesante e molto importante, la seconda medaglia arriva a tarda sera da Falcini bronzo nella 4 x 400 e da Angei sempre nella 4 x 400, medaglia d’oro, del Teem Italia Veterani.
Dopo gara rinfresco offerto dagli organizzatori. Poi tutti in albergo.
La domenica mattina ci alziamo molto presto per liberare la stanza d’albergo, fare una buona colazione, e arrivare la campo gara prima delle 8,00, perché la Teresa a la gara a cui tiene veramente i 10.000 mt., gara per cui si è allenata molto, obbiettivo finirla. Sulla linea di partenza solo 7 atleti delle varie categorie e delle donne solo Teresa, partenza blanda di tutti gli atleti. E sorpresa di tutti Teresa corre per 1 ora e 45 minuti senza mai fermarsi e l’ultimo giro con il tricolore in mano. Oro e 4 medaglia per la S. Fedi. La 5° medaglia della Fedi la vince De Iesu nei 1500 medaglia di bronzo molto bella e meritata. Subito dopo arriva un altro bronzo per Falcini nei 3000 mt. La mattinata va a finire e il sole batte molto forte e ci sono ancora le staffette 4 x 100. Ai Campionati di retrorunning quando non ci sono abbastanza nazioni con 4 atleti si autorizzano i vari teem a fare più squadre. Cosi l’Italia si presenta con tre staffette veterane maschile e 2 staffette veterane femminili. Cosi la Fedi agguanta altre tre medaglie con i sui rappresentanti. Bronzo Falcini, argento Angei e oro De Jesus. I mondiali sono finiti. I saluti e gli abbracci non vogliano finire mai. La lingua e l’età non è mai un problema quando siamo coesi verso la solita passione. Poi la meni che si stringono si lasciano, negli occhi gli occhi degli altri e un augurio di rivederci tra due anni per l’edizione n. 5 dei mondiali. Dimenticavo, se vi state chiedendo cosa ha vinto chi vi stà scrivendo, la risposta è nada, nada de nada come dicevano in catalunia, comunque il mio motto è, meglio qui che a lavorare, un abbraccio a tutti e ricordatevi che il 20 ottobre c’è il retromiglio Pistoia Città d’Arte. 

Il Tempo

-1°C

Pistoia

Clear

Humidity: 57%

Wind: 9.66 km/h

  • 03 Jan 2019 8°C -2°C
  • 04 Jan 2019 6°C -3°C