Log in
updated 9:44 PM CEST, Aug 17, 2017

Racconti (62)

Riccardo Cacioli, Strabiliante IRONMAN!

Cosa dire di Riccardo Cacioli? Una parola sola  IRONMAN!!!!!              
Per la 10ma volta! image1cacioli Riccardo2
Una tipo di specialità sportiva durissima il triathlon che come sapete combina tre sport:
nuoto (3,8 Km nel lago in questo caso) + ciclismo (180km bici) + corsa ( maratona di canonici 42,195 km).
Chiedo a Riccardo di raccontarmi con sue parole l'avventura che ha portato al termine in 10 ore e 50 minuti!
“Un'avventura cominciata in Austria, a  Klagenfurt per questa gara tra le più ambite nella specialità, distanza ironman; siamo andati prima nelle acque cristalline del lago Worthesee
a nuoto per 3,8 Km., poi 180Km in bici tra i monti della Carinzia e poi 42Km. di corsa passando per il centro di Klagenfurt. Questo percorso è stata la quinta volta che l'ho
intrapreso. Eravamo questo anno circa 3000 atleti provenienti da tutte le parti del mondo.”
Ma come è cominciata la tua impresa?
image3Cacioli Riccardo 5Mi sono svegliato alle quattro del mattino e, dopo una ricca colazione, ho preparato tutto l'equipaggiamento per la massacrante prova: bicicletta, sali e barrette energetiche....
Ore 7 partenza con il nuoto nel lago: temperatura acqua perfetta e buone sensazioni....
con le prime bracciate ho sentito energia....solo un po' di gomitate e spintoni verso la fine, dovuti al sovraffollamento, ma tutto ok e il tempo impiegato di un'ora e tredici!
Appena fuori dall'acqua, inforcato la bici sono partito con un vento laterale che dava leggermente fastidio ma riuscivo a stare concentrato quando, mentre procedevo, un altro atleta ha cambiato repentinamente direzione ed io l'ho centrato in pieno! Cadendo entrambi!Ha incominciato a ripetermi: Sorry, sorry, sorry aiutandomi a rialzare la bici, fortunatamente nulla di grave e dopo una controllata generale e una stretta di mano al maldestro avversario sono ripartito e ho terminato questa frazione di percorso in 5 ore e ventisette minuti.
Così sono ripartito per la maratona, un po' stanco, le gambe erano pesanti ma ho iniziato a correre lento ma costante, cercando di non camminare. Tenevo duro e tantissima gente lungo il percorso incitava con un tifo tipo stadio. Finalmente ho intravisto la finish line e la voce dello speaker che diceva: YOU ARE A IRONMAN!!!
Tempo finale: 10 ore e 50 minuti....il mio decimo traguardo Ironman finito nella mia vita di atleta!!!!! Che dire di questo sportivo a tutto tondo? E' incredibile! Veramente possiamo constatare che ultimamente abbiamo esempi di prove sportive veramente dure, che hanno dei fattori in comune: volontà, costanza, spirito di sacrificio e soprattutto animo sportivo!
Grazie a tutti questi atleti della Silvano Fedi che ci fanno vivere queste loro esperienze e che ottengono questi stupendi risultati sportivi e umani!                Silvia Forlani

Roberto Falcini, complimenti dalla Silvano Fedi!

Se una nostra podista dice: “ A tuttaaaa!!!” , il nostro amico Roberto Falcini dice:

Indietro, a tuttaaa!!!!”

perché in questi ultimi tempi Roberto ha partecipato a un bel po' di eventi sportivi retro:

Saletto di Vigodarzene (PD) il 10 Giugno al campionato italiano di retro campestre sui

2000 mt.

Un'unica eccezione di “corsa in avanti” il 25 Giugno è una signora corsa.......

la Pistoia Abetone!

Giovedì 29 Giugno 1° di categoria alla “Gamba Run in retro” a Mira (VE)

Il 9 Luglio 2° posto nel Campionato Italiano di CSA.IN di Retrosalita

a Carbonara di Rovolon(PD) con percorso di 2 Km reso difficilissimo dai diversi

dislivelli che nelle retro pesano come macigni!

E per finire in bellezza....Sabato, 15 Luglio vittoria di categoria nel Campionato AICS

di Retrocorsa in Salita a Lurago d'Erba (CO).

Il nostro “Alfiere nelle retro” ha conquistato posizioni su posizioni nella sua categoria!

Non facile questo tipo di corsa, sia per la sicurezza nell'equilibrio, sia per la postura e per

quello che si richiede ai muscoli delle gambe che agiscono in modo diverso per questa

andatura quasi sulle punte dei piedi.

Falcini 1409666615787395 14

Grazie da parte della Silvano Fedi di portare i nostri colori così sul podio, con fierezza e

caparbietà, costanza e determinazione! Bravo Roberto!! e Buone corse e retro corse a

tutti!!!

Silvia Forlani

Per la 5° volta in piazza dell Abetone.

Siamo molto affezzionati alla Pistoia Abetone , una gara difficile
in qualsiasi modo si decida di" correrla ",
Marco Albertini  capisce lo sforzo che facciamo spingendo la sua
carrozzina.
Ogni anno   nuovi amici  aggiungono le loro braccia e gambe per
conquistare la vetta.
La fatica si mischia alle risate , le crisi superate con facilità perchè
l allegria della compagnia
non ti fa pensare , spingere , spingere sempre più avanti tutti insieme!
Marco ci allieta con le sue barzellette, noi gli replichiamo con
andettoti un pò "spinti ".
La carrozzina fa il suo dovere , il morale sempre alto ci spinge a
competere negli ultimi km con atleti che hanno il nostro passo,""" Marco
inizia a contare quanti ne superiamo """ e poi """ anche quelli piu in
lontananza li prendiamo """ si, si spingete piu forte !!
Un tutt' uno di bella e buona fatica che ogni anno fa venire i brividi !
Mammoli1

L' accoglienza in piazza dell Abetone è sempre emozionate , non sentiamo
piu lo sforzo nello spingere ,
la carrozzina è come se andasse da sola !
Ci abbracciamo felici di avere vissuto insieme a Marco un altra
bellissima gara .
Grazie agli organizzatori che ogni anno ci supportano per i pettorali,
saremo ancora presenti per nuove emozioni.
Marco,Daniele, Antonio.

Marathon des sables con Angelo Bartoletti !!!

Ho chiesto ad Angelo Bartoletti, atleta della Silvano Fedi che molti di voi conoscono,di rivedersi ora che è tornato dalla sua esperienza: dopo 10 anni dalla volta precedente, ha partecipato alla MARATHON DES SABLES in Marocco. La corsa che è iniziata il 9 Aprile ed ha avuto la durata di una settimana, con la partecipazione di circa 1200 atleti provenienti da 52 paesi (dall'Italia 40 podisti) si è svolta con percorsi giornalieri di circa 50 Km e una notturna di 80Km. E si è snodata nel deserto del Sahara. Una “prova durissima” dove l'atleta deve, oltre che saper dosare le proprie energie nella corsa su sabbia a condizioni climatiche che variano dalla notte al giorno, anche sapere amministrare la propria alimentazione e la fatica del trasporto del suo zaino di circa, massimo 15 chili.

marat des sables 1

Lo avevo incontrato prima della partenza con gli occhi pieni di entusiasmo che comunicavano tutta la sua carica e la sua voglia di rivivere l'atmosfera di quei luoghi dove era stato dieci anni fa percorrendo “solo” 100km nella sua prima maratona del deserto.

Questa sera lo ho rivisto con un'altra luce negli occhi: di chi ha scoperto le sue energie interiori e ha vissuto momenti duri e momenti eclatanti...momenti indimenticabili.

marat des sables5 marat des sables 6 marat des sables 3

Come è andata Angelo? Racconta e cerca di trasmetterci le sensazioni provate,descrivendoci le persone che hai conosciuto, le fasi più difficili della gara che hai intrapreso, i momenti più duri e i ricordi più belli.

“ ogni tappa era una storia unica e unita a quella dopo, ad ogni arrivo ci scambiavamo le esperienze del cammino e di quello che riuscivamo a economizzare di energie e quello che ognuno sentiva: è una corsa in cui ognuno si autogestisce, ma in cui si collabora e ci si aiuta nei momenti difficili.....una grande amicizia è nata tra di noi, compagni di tenda (sette in ognuna) con i quali si viveva la sveglia del mattino alle 5,30 e poi il bivacco per la colazione, fatto a turno con gli arbusti occasionali, il ritorno dopo ogni tappa con la condivisione di come eravamo arrivati e il confrontare le varie cibarie che ognuno aveva portato! Ancora adesso ci sentiamo e alcuni di loro propongono di partire per altre gare estreme!”

Si vede che il nostro Angelo rivive mentre racconta con emozione la sua avventura; una gara portata a termine arrivando come posizione 420° e 160° di categoria e affrontando la corsa notturna dopo essere stato pinzato da uno scorpione il giorno prima.......

“ E' stato il momento più tremendo della gara, avevo paura di dover abbandonare tutto...

ho passato una nottata combattuto dal timore di non poter proseguire, se le conseguenze dello scorpione avessero reso proibitivo continuare, e dall'altra di essere troppo avventato ad insistere....ma poi è andato tutto bene!    

Rifaresti una gara del genere presto o aspetterai altri dieci anni? marat des sables Copia

“Il ricordo è ancora fresco e le sensazioni dei tramonti, del cielo, del silenzio sono bellissimi e bellissimo è anche avere la possibilità di misurarsi in questo scenario....magari la prossima volta cercherò di rendere più sigillate le calzature alla sabbia e agli scorpioni!

Comunque un grazie al mister Santucci e al grande Marco Olmo che aveva già partecipato ed era sempre pronto ad aiutare tutti e a dare buoni consigli. Un grazie anche alla mia famiglia che sempre in collegamento e mi sosteneva così come mi salutavano e incitavano gli amici della Silvano Fedi! Insomma tornando oltre che fortificati dentro si valorizza le cose semplici ma importanti che abbiamo a casa!”

A questo punto ho salutato Angelo, un podista che ha riportato nel suo cuore un pezzetto di quel grande deserto del Sahara con tante sensazioni indimenticabili di sport e di sopravvivenza e ce le ha trasmesse un po' anche a noi!

Silvia Forlani

Pistoia-Abetone, in arrivo una grande targa commemorativa

Una grande targa commemorativa celebrerà per sempre la Pistoia-Abetone Ultramarathon 50km, il suo "inventore" Artidoro Berti e tutti gli uomini e le donne che in 42 anni di storia hanno affrontato con passione e coraggio i 50 chilometri più belli e insidiosi del mondo del podismo.

L'opera, proposta e disegnata dall'artista Paolo Cassai, è costituita da una lastra di acciaio di tre metri per uno e sarà presentata sabato 22 aprile alle 12.30 all'altezza del chilometro 47,5 della strada regionale 66. Qui, in corrispondenza di uno dei tanti tornanti del percorso gara, farà bella mostra di sé grazie all'Ascd Silvano Fedi che ha accolto la proposta di Cassai e alla ditta Campanella Costruzioni che ha realizzato la scultura.

Alla cerimonia di presentazione interverranno il Presidente del Consiglio Regionale Eugenio Giani e il presidente della Provincia di Pistoia Rinaldo Vanni, nella doppia veste che lo vede anche presidente del comitato promotore permanente della Pistoia-Abetone di cui fanno parte, insieme alla Provincia, i comuni attraversati dal percorso (Pistoia, San Marcello Pistoiese, Piteglio, Cutigliano e Abetone) oltre al Comune di Montecatini Terme che si occupa di coordinare l'organizzazione del Quarto Traguardo. 

È anche attraverso iniziative come questa che il comitato promotore intende sostenere e valorizzare la Pistoia-Abetone, appuntamento sportivo di primo piano ma anche importante veicolo di promozione territoriale.

Angelo Bartoletti alla Marathon des sables

Questa sera ho incontrato Angelo Bartoletti, un nostro tesserato che molti di voi conoscono,che sta per partire per un'altra impresa: dopo 10 anni dalla volta precedente, tra qualche giorno, parteciperà alla MARATHON DES SABLES in Marocco.Una corsa che si snoda nel deserto del Sahara per 250km con percorsi giornalieri di 50km
e una notturna nel deserto di circa 80km. Un “viaggio podistico durissimo” dove l'atleta
deve, oltre che dosare le proprie energie nella corsa su sabbia a condizioni climatiche
che variano dalla notte al giorno, anche sapere amministrare la propria alimentazione.
Bartoletti AngeloPer questo ho chiesto ad Angelo di parlarmi delle sue sensazioni pre-gara e dei suoi
preparativi:
Quando è la partenza? E come ti sei allenato?
La partenza dall'Italia è il 6 di Aprile da Milano Malpensa ma il giorno in cui comincerà tutta l'avventura è il 7 Aprile. Appunto il sette è ricorrente in molte cose...la prima volta che ho corso una maratona nel deserto con Corrado Gurciullo e Marco Monfardini anche loro amici della Silvano Fedi era il 2007...e questo anno è il 2017!
La preparazione ho cercato di farla al mare per poter correre sulla sabbia, non a chilometro ma a tempo.... qualche ora per qualche giorno alla settimana ... da circa otto mesi. Ho partecipato anche al GT di Courmayeur di 90km in salita con 7000mt di dislivello.
I Trail hanno la capacità di dare più forza interiore a chi partecipa e apprendimento delle proprie capacità oltre che senso di amicizia con tutti gli altri che corrono.
Partecipano altri pistoiesi, quest'anno?
No, parteciperà Sara Paganucci, una atleta dell'Orecchiella di Lucca e poi altri italiani che incontrerò là ma non so se provengono anche altri dalla Toscana.
Come ti gestirai nell'alimentazione?
Nell'alimentazione è importante gestire più le proteine che i carboidrati e molte cose per il
peso vanno valutate....perchè gli zaini vengono pesati e non devono superare i sette /otto kg. Che poi uno deve portare sulla schiena per tutta la gara! Molti portano i liofilizzati, ma
possono essere anche dannosi con altre sostanze che contengono....io ho molto Parmigiano stagionato e sottovuoto di polenta, purè di patate e capocollo!...vedremo questi alimenti intanto sono più sani.
Come sei tornato la scorsa volta, che sensazioni ti hanno fatto prendere la decisione di iscriverti ad un'altra corsa nel deserto?
Il ricordo dell'amicizia che ho avuto con Corrado e Marco nel vivere quell'esperienza...e
quello stacco dai pensieri quotidiani per la concentrazione sulla gara, quelle sensazioni
che ti vengono vivendo in quell'ambiente così lontano dal nostro, così a contatto con la natura, con i suoi ritmi. Anche al rientro uno si sente più forte dentro, perché ha scoperto
forze nascoste che non pensava di avere e conosce più la propria persona.Comunque una gara molto dura, ma anche organizzata da più di trenta anni....e con tanti controlli?
Sì ci sono controlli per non portare troppo peso, per non restare senza cibo o acqua, con
penalità anche per non lasciare rifiuti...per i quali ti danno contenitori adeguati per un
rispetto dell'ambiente che ci circonda, con quella atmosfera indimenticabile.
Angelo mentre mi ha raccontato questa esperienza che ha vissuto e che incontrerà
di nuovo ora si vedeva che era pronto per partire.....
Allora adesso aspettiamo che ritorni per raccontarci come è stata questa seconda volta (che per lunghezza chilometrica è più del doppio di quella del 2007) e chi
volesse anche mettersi in contatto con lui durante la corsa lo può fare dopo essere entrati nel sito:
http://www.marathondessables.com Allora Forzaaaa Angelino sei tutti noi!!!!!!! Buona corsa a te e a tutti voi!
Silvia Forlani
Sottoscrivi questo feed RSS

Il Tempo

25°C

Pistoia

Clear

Humidity: 62%

Wind: 6.44 km/h

  • 18 Aug 2017 36°C 18°C
  • 19 Aug 2017 31°C 19°C